Vita comunitaria

Messaggio del Papa per la Quaresima 2018

Quaresima2018

Link del discorso integrale del  Papa 

Cari fratelli e sorelle, ancora una volta ci viene incontro la Pasqua del Signore! Per prepararci ad essa la Provvidenza di Dio ci offre ogni anno la Quaresima […] che annuncia e realizza la possibilità di tornare al Signore con tutto il cuore e con tutta la vita. Anche quest’anno, […] desidero aiutare tutta la Chiesa a vivere con gioia e verità in questo tempo di grazia; e lo faccio lasciandomi ispirare da un’espressione di Gesù nel Vangelo di Matteo: «Per il dilagare dell’iniquità l’amore di molti si raffredderà». […] Gesù annuncia una grande tribolazione e descrive la situazione in cui potrebbe trovarsi la comunità dei credenti: di fronte ad eventi dolorosi, alcuni falsi profeti inganneranno molti, tanto da minacciare di spegnere nei cuori la carità che è il centro di tutto il Vangelo. […] Quali forme assumono i falsi profeti? Essi sono come “incantatori di serpenti”, ossia approfittano delle emozioni umane per rendere schiave le persone e portarle dove vogliono loro. Quanti figli di Dio sono suggestionati dalle lusinghe del piacere di pochi istanti, che viene scambiato per felicità! […] Altri falsi profeti sono quei “ciarlatani” che offrono soluzioni semplici e immediate alle sofferenze […]: a quanti giovani è offerto il falso rimedio della droga, di relazioni “usa e getta”, di guadagni facili ma disonesti! Quanti ancora sono irretiti in una vita completamente virtuale. […] Da sempre il demonio, che è «menzognero e padre della menzogna», presenta il male come bene e il falso come vero, per confondere il cuore dell’uomo. Ognuno di noi, perciò, è chiamato a discernere nel suo cuore ed esaminare se è minacciato dalle menzogne di questi falsi profeti. […] Quali sono i segnali che ci indicano che in noi l’amore rischia di spegnersi? […] Anzitutto l’avidità per il denaro, «radice di tutti i mali»; ad essa segue il rifiuto di Dio e dunque di trovare consolazione in Lui, preferendo la nostra desolazione al conforto della sua Parola e dei Sacramenti. Tutto ciò si tramuta in violenza che si volge contro coloro che sono ritenuti una minaccia alle nostre “certezze”: il bambino non ancora nato, l’anziano malato, l’ospite di passaggio, lo straniero, ma anche il prossimo che non corrisponde alle nostre attese. Anche il creato è testimone silenzioso di questo raffreddamento della carità: la terra avvelenata da rifiuti […]; i mari inquinati, […] i cieli […] solcati da macchine che fanno piovere strumenti di morte. L’amore si raffredda anche nelle nostre comunità […]: l’accidia egoista, il pessimismo sterile, la tentazione di isolarsi e di impegnarsi in continue guerre fratricide, la mentalità mondana che induce ad occuparsi solo di ciò che è apparente. […] Se vediamo nel nostro intimo e attorno a noi i segnali appena descritti, ecco che la Chiesa, nostra madre e maestra, assieme alla medicina, a volte amara, della verità, ci offre in questo tempo di Quaresima il dolce rimedio della preghiera, dell’elemosina e del digiuno. Dedicando più tempo alla preghiera, permettiamo al nostro cuore di scoprire le menzogne segrete con le quali inganniamo noi stessi, per cercare finalmente la consolazione in Dio.[…] L’esercizio dell’elemosina ci libera dall’avidità e ci aiuta a scoprire che l’altro è mio fratello: ciò che ho non è mai solo mio. […] Il digiuno […] ci sveglia, ci fa più attenti a Dio e al prossimo, ridesta la volontà di obbedire a Dio che, solo, sazia la nostra fame. […] Nella notte di Pasqua rivivremo il suggestivo rito dell’accensione del cero pasquale: attinta dal “fuoco nuovo”, la luce a poco a poco scaccerà il buio e rischiarerà l’assemblea liturgica. «La luce del Cristo che risorge glorioso disperda le tenebre del cuore e dello spirito», affinché tutti possiamo rivivere l’esperienza dei discepoli di Emmaus: ascoltare la parola del Signore e nutrirci del Pane eucaristico consentirà al nostro cuore di tornare ad ardere di fede, speranza e carità. Vi benedico di cuore e prego per voi. Non dimenticatevi di pregare per me.

Papa Francesco

Riunione C.P.P. e Commissione Affari Economici

CPP

Il CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE e la COMMISSIONE AFFARI ECONOMICI

sono convocati presso la sala consiglio

MARTEDÌ 27 FEBBRAIO 2018 ALLE ORE 21.00

Con il seguente ORDINE DEL GIORNO:

  • 1. Missione Cittadina: condivisione del documento di sintesi prodotto dall’equipe decanale in preparazione della prossima Assemblea decanale del 24 marzo p.v.
  • 2. Sinodo minore “Chiesa dalle genti”: esame della documentazione “Tracce per il confronto e l’ascolto” e definizione delle attività conseguenti.
  • 3. Varie ed eventuali.

Notizie dal Brasile – Arame

Brasile 1

(Qui, nell’estate 2017 hanno vissuto l’esperienza di volontariato i nostri ragazzi)

Ciao Roberto, colgo l’occasione di queste feste per salutarti e per chiedere di portare i saluti anche a Matteo, Pietro e Francesco. Con le sorelle ed i sacerdoti volevamo ringraziare ancora una volta voi e la vostra comunità per l’aiuto che avete dato la scorsa estate.
Con una parte del danaro che ci avete affidato, e anche tenendo conto del vostro desiderio, abbiamo pensato di contribuire al rifacimento della casa di donna Amparo:Brasile2 la signora priva dell’uso delle gambe costretta a trascinarsi a terra per muoversi che vive nel villaggio di Chupé e che avete visitato questa estate. Sarà una casa di fango, ma con il tetto di tegole (alcune delle quali avete pulito voi).
Abbiamo anche pensato di fare il pavimento in cemento e senza gradini, inBrasile3 modo che, almeno in casa, la signora faccia meno fatica e non si graffi più. Donna Amparo e il marito sono veramente riconoscenti per l’aiuto e sentono che ci sono persone che da molto lontano pensano a loro ed ai loro bisogni, hanno detto che ricorderanno voi e la vostra comunità nelle loro preghiere. Vi saluto con affetto, Fara.
Nelle tre foto sopra: una fase della costruzione della casa, Donna Amparo, il marito.

Editoriale Sinodo minore “Chiesa dalle genti”

Sinodo minore

Sinodo minore “Chiesa dalle genti”
La fase di ascolto: passi semplici e gesti impegnativi

Con la pubblicazione delle tracce per la condivisione, il Sinodo minore è entrato in un momento cruciale del suo percorso. La fase di ascolto ha a disposizione tutti gli strumenti (testo guida + tracce) utili a dare vita a un grande e costruttivo dibattito. Attori da coinvolgere: il corpo ecclesiale, nelle sue diverse figure (consigli pastorali, ministri ordinati e consacrati, giovani, operatori della carità), ma anche tutte le persone che desiderano misurarsi con le domande che la Diocesi di Milano si sta ponendo, proprio perché ne condividono il carattere di urgenza e la capacità di futuro (mondo della scuola, amministratori locali, servizi territoriali rivolti alla persona).

Dal grado di coinvolgimento e dalla qualità dell’ascolto che avremo saputo creare dipenderà l’esito del percorso sinodale. Perché sia, come l’Arcivescovo ci ha chiesto, un evento di popolo, occorre che questa fase sia curata e molto diffusa: solo così potremo giungere al successivo momento di costruzione e definizione delle proposte sicuri che i discorsi che intavoleremo non sono il frutto delle convinzioni di pochi ma l’esito di un sicuro processo di ascolto del “fiuto” del popolo di Dio (sensus fidei).

Essere Chiesa dalle genti: per giungere a realizzare un simile cammino di conversione occorre in questa fase di ascolto miscelare allo stesso tempo gesti impegnativi e passi abbastanza semplici. Gesti impegnativi: è necessario scegliere di vedere, come dice il documento preparatorio, oltre la superficie del quotidiano, le gesta di Dio che si stanno realizzando dentro situazioni e avvenimenti che a prima vista ci appaiono non chiari e non facili da affrontare. Passi abbastanza semplici: basta iniziare ad impegnarsi in questo ascolto, e subito ci accorgeremo che sono tanti i percorsi di conversione già avviati e i sentieri intrapresi.

La Chiesa dalle genti è già tra noi: il difficile è riuscire a vederla, superando le paure e le stanchezze che come un velo ci coprono gli occhi, impedendoci di contemplare ciò che lo Spirito santo già opera dentro le nostre vite.

                                                   mons. Luca Bressan 
Presidente della Commissione di coordinamento Sinodo “Chiesa dalle genti”
Vicario episcopale Arcidiocesi di Milano

Conferenza Episcopale Lombarda: nota in vista delle elezioni 2018

elezioni 2018

Mentre prosegue l’intensa campagna elettorale che culminerà con le elezioni amministrative regionali e politiche nazionali, la Conferenza Episcopale Lombarda ritiene opportuno offrire ai propri fedeli alcune indicazioni pastorali, per incoraggiare alla serenità e alla responsabilità nel cammino di preparazione a questi importanti appuntamenti.
Ci è quindi sembrato utile sottoporre alla nostra comunità il testo integrale di questa Nota Episcopale, allegandola al presente notiziario.    A tutti l’invito ad un’attenta lettura.
Conferenza Episcopale Lombarda: nota in vista delle elezioni 2018

Economia civile: convegno sulla Finanza Etica

Finanza etica

20 gennaio 2018 – Ore 10.00 
Cinisello Balsamo 

Villa Forno – Via Martinelli 23

 

 “L’OFFICINA DI ENRICO ONLUS”, con il Decanato di Cinisello Balsamo e le Amministrazioni dei Comuni di Bresso, Cinisello Balsamo, Cormano e Cusano Milanino, organizza un incontro

QUALI NUOVI STRUMENTI DI FINANZA ETICA?

Se ne discute, alla luce della riforma del terzo settore, con Stefano Zamagni (Professore economia politica Università di Bologna), Nazareno Gabrielli (Vicedirettore Generale Banca Etica), Guido Cisternino (Responsabile terzo settore ed economia civile UBI Banca, Maurizio Lazzarotto (Responsabile coordinamento operativo Banca Prossima).
Moderatore: Elisabetta Soglio (Giornalista Corriere della Sera).

Vedi locandina Finanza etica

Editoriale “La Comunità adulta educante” di don Stefano Guidi

Duomo Milano

La Comunità adulta educante

In vista della prossima Settimana dell’educazione (21-31 gennaio), è utile recuperare il significato di alcune parole particolarmente importanti.

Quando parliamo di Comunità educante a chi ci stiamo riferendo?  Nel vissuto quotidiano è immediato pensare all’insieme degli operatori pastorali dell’oratorio. Non è sbagliato, purché non si perda la consapevolezza che chi si dedica all’azione educativa può farlo solo se inserito in un vissuto ecclesiale vivo. Leggi tutto →

Mostra su Madre Teresa dal 13 al 21 gennaio

Madre Teresa

Presso Sala Convegni Villa Arconati
Coop. “La Nostra Casa”
Piazza Gramsci 2, Cinisello Balsamo

È davvero una occasione per approfondire la conoscenza di questa grandissima Santa del nostro tempo.
La mostra sarà introdotta sabato 13 alle 15,30 dall’incontro con Marina Ricci, vaticanista,  e autrice del libro “Govindo. Il dono di madre Teresa”.
L’incontro sarà guidato da Giorgio Bernardelli, giornalista della rivista “Mondo e Missione”.

Editoriale diacono Roberto Pagani, «Potente è la tua mano, Signore”

Duomo Milano

Potente è la tua mano, Signore.

Introduzione alla Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani

Locandina Settimana di preghiera 2018

 “Potente è la tua mano, Signore (Es 15,6)” è il tema della Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani 2018: il cantico celebra la vittoria di Dio contro le forze del male in relazione all’evento fondatore della fede di Israele.

In Diocesi è stato indetto un Sinodo minore dal titolo “Chiesa dalle genti”, che vuole rileggere i processi di cambiamento in atto per coglierne l’azione dello Spirito.

Processi che riguardano tutte le chiese cristiane, anch’esse rinnovate dalla presenza di fedeli da tutto il mondo.

Il programma della Settimana si caratterizza per le celebrazioni dei vesperi secondo le diverse tradizioni, così da offrire la possibilità di incontrare una comunità che celebra la sua fede.

Il 25 gennaio nel Tempio Valdese, alla presenza di mons. Delpini, verrà celebrato il 20° anniversario dalla nascita del Consiglio delle Chiese Cristiane di Milano, che ebbe un forte impulso dal cardinal Martini.

Il cammino di questi anni è stato entusiasmante e non sempre facile: si sono superate le diffidenze iniziali con una stima fiorita in vera amicizia.

La situazione oggi è molto diversa, come dice il convegno del 20 gennaio dal titolo “Ecumenismo 2.0”, teso a sottolineare ciò che lo Spirito sta suscitando.

La serata per i giovani del 22 gennaio in sant’Ambrogio vede coinvolte le comunità giovanili ortodosse romene, copte, russe, e quella metodista che ha al suo interno un gruppo di giovani ghanesi; per la nostra Diocesi hanno collaborato la Pastorale Universitaria e i Movimenti.

Una preghiera, una cena in cui ciascuno porta piatti tipici del proprio paese, e tanti canti natalizi (liturgici e popolari) delle diverse tradizioni eseguiti a turno dalle varie comunità.

Incontrarsi e riconoscersi reciprocamente porta a scoprire che il cuore di ciascuno ha le stesse domande e gli stessi desideri, e l’affetto per la persona di Gesù ci fa sperimentare, nella diversità suscitata dallo Spirito, che siamo fratelli perché figli di un unico Padre.

               diac. Roberto Pagani
Responsabile Servizio per l’Ecumenismo e il Dialogo
Arcidiocesi di Milano

2018: un nuovo anno è iniziato

2018

Dio abbia pietà di noi e ci benedica,
su di noi faccia splendere il suo volto;
perché si conosca sulla terra la tua via,
fra tutte le genti la tua salvezza.

Esultino le genti e si rallegrino,
perché giudichi i popoli con giustizia,
governi le nazioni sulla terra.

Ti lodino i popoli, Dio,
ti lodino i popoli tutti.
Ci benedica Dio
E lo temano tutti confini della terra.

                                                       (dal salmo 66)

«Ti benedica il Signore e ti protegga. Faccia brillare il suo volto su di te e ti sia propizio»: è l’augurio che ci fa la Chiesa, oggi, e che noi a nostra volta facciamo ai fratelli e ai vicini. Né si tratta di un augurio superficiale e convenzionale. La Chiesa ci consegna veramente la grazia di Dio per tutti i giorni del nuovo anno; e noi con altrettanta verità all’augurio dovremo far seguire una presenza e una manifestazione di Dio specialmente con le opere di carità verso il prossimo al quale diciamo «buon anno».
(dal messale ambrosiano)

BUON 2018!

da don Emilio, don Luigi, don Justin e don Andrea,
con il Consiglio pastorale parrocchiale